IQNA

23:59 - January 09, 2019
Notizie ID: 3483608
Pechino-Iqna- Il governo cinese sta conducendo negli ultimi mesi una vasta campagna di arresti contro i musulmani uiguri dello Xinjiang per eliminare l'identità etnica della minoranza islamica

Cina: in aumento oppressione contro i musulmani

Ad affermarlo è Bahram Sintash, figlio di Ghorban Mahmoud, scrittore ed editore di un giornale in Cina che si occupava della cultura e della storia degli uiguri e di altre tribù turche.

Sintash, che risiede in Virginia, in un'intervista al New York Times ha dichiarato: "Mio padre conosceva bene le linee rosse del regime, nonostante ciò l'anno scorso è stato arrestato insieme a centinaia di intellettuali, poeti, scrittori, professori universitari ed insegnanti di storia e scienze umane. Questo è un segno dell'indurimento della politica sociale del regime".
 
Secondo Maya Wang, ricercatrice e attivista per i diritti umani residente ad Hong Kong, la presenza di questi intellettuali nelle prigioni cinesi smentisce le dichiarazioni del regime che pretende di riorganizzare al meglio il programma di istruzione per gli uiguri.
 
Un professore uiguro residente a Istanbul ha dichiarato che gli arresti mirano a cancellare l'identità uigura ed a distruggere le usanze della popolazione locale.
 
In base a quanto dichiarato dalle associazioni internazionali il governo cinese ha arrestato più di un milione di uiguri e li ha internati  in campi di "rieducazione politica". Secondo i media i prigionieri di questi campi sono sottoposti a lavori forzati.
 
Venerdì scorso, il capo dell'Associazione mondiale uigura ha annunciato che il governo cinese impedisce ai musulmani dello Xinjiang di partecipare al pellegrinaggio alla Mecca e di tenere il digiuno nel mese di Ramadan. Il regime ha inoltre vietato l'insegnamento dell'Islam nelle scuole.

Lo Xinjiang è una regione nel nord ovest della Cina confinante con i paesi dell'Asia centrale. La popolazione della zona è composta in maggior parte da musulmani di etnia uigura.

 

3778848

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iqna-E' autorizzata la riproduzione esclusivamente citando la fonte

Nome:
Email:
* Commento: